Segui il nostro Progetto di Educazione Finanziaria - L'economia e la finanza non sono materie semplici da capire e da apprendere, ed inoltre sono erroneamente percepite come competenze scientifiche. L'aspetto distintivo delle scienze sociali, quali sono appunto l'economia e la finanza, è che l'oggetto su cui si esercitano è costituito da teorie e principi che sono al tempo stesso profondamente impregnati dai comportamenti umani. Vale a dire che tra i principi e le azioni umane si genera un continuo flusso di azioni e reazioni tali per cui i comportamenti modificano i principi economici, e questi ultimi a loro volta influenzando le azioni umane. Non a caso il linguaggio anglosassone quando parla di economia usa due termini complementari: economics quando vuole indicare la scienza economica ed economy quando fa riferimento ai fatti economici. Il nostro progetto di educazione finanziaria ha l'obiettivo di dotare i suoi utenti di categorie interpretative dei principali fatti economici e finanziari, così che in futuro possano essere attrezzati a compiere scelte motivate, a sbagliare di meno, a comportarsi con raziocinio, relativamente a questioni di lavoro, imprese, prezzi, redditi, consumi, risparmi, investimenti e di tante altre similari. La familiarità con principi indissolubilmente collegati ai fatti della vita quotidiana dovrebbe rendere le persone più accorte e sobrie nel compiere le proprie scelte.

Flussi migratori e flussi finanziari

Creato: Venerdì, 23 Febbraio 2018 Pubblicato: Venerdì, 23 Febbraio 2018 Scritto da Danilo D'Amico Stampa Email
Flussi migratori e flussi finanziari

I flussi migratori di cui si occupano le cronache dei quotidiani sono flussi di persone. Ma nel mondo vi sono anche flussi di ricchezza in continuo movimento.

I flussi di persone, inoltre, sono compositi: riguardano persone oppresse (che fuggono dalle cause della loro oppressione), persone povere, persone ricche. Gli high net worth individuals (termine tecnico inglese per indicare i ricchi) sono in movimento, così come i poveri della terra. Il tema dei flussi migratori e finanziari è sviluppato nell'interessante articolo di Nicoletta Dentico dal titolo Cambiare l'ordine delle cose è sempre più urgente. Questo è un invito alla sua lettura (Per leggere l'articolo clicca sul titolo).

Inoltre ricordiamo che il 4 aprile 2018 a Roma, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, si è svolta la presentazione della Relazione finale della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, presieduta dal senatore Luigi Manconi, sul lavoro svolto dal maggio del 2013. In tale contesto Giuliano Amato ha evidenziato che in molti paesi (o stati-nazione) capita spesso che arrivino dei foreign investors che tengono bassi i salari e portano via i profitti, non contribuisce all'integrazione internazionale dei mercati, ma alla stagnazione economica di quei paesi e all'incremento delle disuguaglianze. Noi qui evidenziamo che, anche per questi fenomeni, popolazioni di paesi che hanno abbondanti ricchezze minerarie rimangono spesso povere e arretrate. La grande maggioranza di queste popolazioni in genere svolge lavori pesanti e semplici, in favore di piccoli gruppi che controllano grandi ricchezze e assoldano eserciti privati per difenderle. Alla gran parte di quelle popolazioni rimangono poche possibilità alternative di scelta: - svolgere un duro lavoro manuale; - unirsi ai gruppi dei rivoltosi, spesso contribuendo ad aggravare la criticità economiche e sociali, - appartenere al gruppo dei molti che, non sapendo come sopravvivere, scappano.

Visite: 1500